È uscito Senza Soste n. 124

Da oggi in edicola Senza Soste numero ​124. Ecco la locandina, l'indice del giornale e i punti di distribuzione

124 locandinaPagina 1

– Robotax. Mentre il Pd implode chiuso in se stesso, fuori dai palazzi la realtà racconta dell’irruzione nell’agenda politica e sociale di tecnologie, robot, caporalato e disoccupazione. Con tutte le conseguenze che si portano dietro.
– Editoriale. La California non vende più.

Pagina 2 (Internazionale)

– Honduras, non è un paese per ecologisti. Un anno fa l’assassinio dell’attivista Berta Cáceres.
– Grecia, olocausto silenzioso. La follia criminale della tecnocrazia neoliberista.

Pagina 3 (Interni)
– Democratici e progressisti. D’Alema, Bersani e Rossi: il vecchio che avanza.

Pagina 4 (Livorno)

– Il capolinea di Spil. Alla fine anche la Società Porto Industriale Livorno ha dovuto cedere e andare in concordato, ma ci sono grosse responsabilità politiche.

Pagina 5 (Livorno)
– Cambio alla testa della Cgil livornese. Strazzullo lascia la segreteria dopo 8 anni di linea sovrapposta a quella del Pd.

– Livorno e il suo brand. Prosegue la nostra inchiesta sul turismo nella città labronica.

Pagina 6 (Per non dimenticare)
– Marzo 1947. 70 anni fa iniziava la Guerra Fredda.

– Marzo 1947. 70 anni fa gli ultimi casi di pena di morte in Italia.

Pagina 7 (Stile libero)
– Letture/1. Genealogia della governance, di Giuliana Commisso.
– Letture/2. “Cattivi e primitivi”, di Alessandro Senaldi.

Pagina 8 (Sport)

– Sei nazioni… meno una. La siderale differenza venutasi a creare tra l’Italia del rugby e le altre 5 squadre pone d’obbligo una domanda: è giusto che gli Azzurri continuino a partecipare al Sei Nazioni? Storia di un progetto di crescita fallimentare.

edicola p.zza Damiano Chiesa – edicola Cisternone – edicola via Verdi – edicola piazza del Municipio – edicola Baracchina Bianca – edicola Piazza Attias (angolo via Goldoni) – edicola Piazza Grande (lato via Pieroni) – edicola Piazza Grande (lato farmacia comunale) – edicola viale Carducci (angolo Risorgimento) – edicola/tabaccaio corso Mazzini (angolo via san Carlo) – edicola via Provinciale Pisana (S. Matteo) – Edicola via delle Sorgenti (angolo Donnini) – edicola viale Antignano (Scalinata) – edicola via Olanda (angolo via Francia) – Caffè Paradiso (via Maggi) – Vino e Vegeto (via Mentana) – Bar Dolce Nera (via della Madonna angolo via Avvalorati) – Tabaccheria via Bosi (piazza XX Settembre) – Tabaccheria Corso Amedeo (angolo via Magenta) – Tabaccheria via Verdi – Videodrome (via Magenta) – Pizzeria Amaranto (via Lepanto) – Bar Il Progresso (via P.Pisana) – Bar B52 (Stagno) – Ex Aurora (viale Ippolito Nievo) – Cral Eni (viale Ippolito Nievo) – TeatrOfficina Refugio (Scali del Refugio 7) – Cp 1921 (via dei Mulini) – Ristororto Polpetta (via dei Mulini) – Ex Caserma Del Fante (via Adriana) – Emeroteca (via del Toro) – Trattoria La Sgranata (via di Salviano) – Campi calcetto Corea – Fondazione Don Nesi Corea –Libreria Mondadori (via Magenta) – Centro Artistico il Grattacielo (via del Platano) – Nuovo Teatro delle Commedie (via Terreni) – La Svolta (viale Caprera) – Curva Nord Stadio (in occasione delle partite interne del Livorno)

Per ricevere il giornale direttamente a casa ogni mese, consultare l’apposita sezione “Sostienici” sul nostro sito.

 

Previous Confermato il maxi-taglio alle politiche sociali e al fondo per la non autosufficienza
Next Europa, il paradiso degli evasori

You might also like

Visioni Suoni Letture

Il Cage si illumina. Toto Barbato racconta la nuova stagione del locale livornese

La scorsa stagione è stata quella con il record di pubblico per il The Cage. Come è stato ottenuto questo risultato? E’ stato un anno fenomenale. Tutti i musicisti del

Letture

Genealogia della governance

“La Genealogia della Governance” è un libro sull’ordoliberalismo, questione attuale mai affrontata di fronte al grande pubblico. Mentre i media nel ventennio hanno celebrato con entusiasmo la fine delle ideologie

Visioni

Contro l’ipocrisia del potere: intervista al pittore Paolo Massimo Abrans

Lo capisci immediatamente, entrando nel suo attuale studio di 2 metri quadrati, in via dell’Origine, che Paolo Massimo Abrans non è un pittore come tutti gli altri. Lo trovo sdraiato