Viareggio: la locandina della vergogna per un video privato diffuso in chat

Questa è la locandina della Nazione di qualche giorno fa a Viareggio, proprio nella settimana in cui tutti trattano l’argomento delle squallide vicende Hollywoodiane e dei loro schifosi protagonisti. Ma per schifarsi non importa andare così lontani, perché anche vicino a noi ci sono situazioni che vengono trattate in un certo modo come potete vedere in questa foto. Una morbosità malata che rovina la vita delle persone in cambio di qualche copia di giornale in più venduta a qualche altro curioso malato. Su vicende che hanno rilevanza pubblica pari a zero. Ma quando i fatti avvengono vicino a noi tutti stanno zitti. Per noi massimo schifo verso la Nazione. Probabilmente nell’ambiente giornalistico toscano è vista come una cosa normale. Gli stessi che poi fanno le puntate speciali e piangono sulla morte di Tiziana Cantone.

redazione 20 ottobre 2017

Previous MD: "Dissalatore Solvay, il PD dice no"
Next Lipu: "Consumo del suolo, solo una vana promessa"

You might also like

Locali

Renzi, il divo e Livorno

Altro che bagno di folla a Livorno: senza la diretta twitter, tv, i lanci, le foto etc la giornata di martedì 22 sarebbe stata un raduno praticamente inavvertito in una

Locali

Lonzi Metalli, ancora polemiche. Ma non esiste un piano concreto

Alla vigilia della conferenza dei servizi in Regione per il rinnovo delle autorizzazioni per la Lonzi Metalli, si è riaperto il dibattito sulla delocalizzazione dell’azienda. Ma a che punto eravamo

Editoriali

Fusaro, poco rosso molto bruno

Una nuova star Tra i personaggi televisivi più in vista negli ultimi tempi c’è senz’altro il giovane filosofo torinese Diego Fusaro, ospite fisso in alcuni talk show (soprattutto su La7)